La notte del “Muzzuni”

Posted by on 2 lug 2015 in I LOVE SICILY, News, Reportage | 0 comments

 “Ventiquattro di Giugno, San Giovanni. Era per gli Alcaresi la festa del “Muzzuni” e festeggiar soleano nei quartieri quelle piccole brocche e i germogli con canti e danze fino a notte alta. Si scoglievano allor le inimicizie, si intrecciavano gli amori ed i comparaggi”.

(Vincenzo Consolo)

IlMuzzuni è una festa pagana, che si svolge annualmente e da centinaia e centinaia d’anni ad Alcara Li Fusi, un piccolo borgo sui Monti Nebrodi dove il tempo sembra fermato, che conserva intatta la sua storia millenaria custodendo gelosamente il fascino dell’antico con i suoi caratteristici vicoli medievali che ricordano i tipici quartieri arabi.
Per i suoi abitanti questa festa riveste particolare importanza; un’identità che affonda le proprie radici nei culti pagani dell’antica civiltà greca, è infatti, un rito propiziatorio offerto alle divinità della natura: DEMETRA (della terra), KORE (della vegetazione), AFRODITE (dell’amore), ADONE (della fertilità), e DIONISIO (dell’euforia), per augurare la fertilità della terra e l’abbondanza dei suoi frutti, un inno al rigoglio della natura, all’amore e alla giovinezza,
La Festa coincideva con il Solstizio d’Estate; originariamente veniva celebrata il 21 giugno; con l’avvento del Cristianesimo, venne spostata al 24 giugno, giorno dedicato a San Giovanni Battista, martire decapitato. Da allora elementi pagani e cristiani si mescolano in questo rito che si ripete da secoli.

La festa del “Muzzuni” è la “Festa popolare più antica d’Italia“.
Il termine “Muzzuni” fa riferimento, probabilmente, alla brocca priva di collo (“mozzata”), o al grano che viene falciato e raccolto in fascioni (“mazzuna”) e, dal punto di vista religioso, a San Giovanni decollato (con la testa mozzata). Nella cittadina, questo rito propiziatorio è sopravvissuto fino ai giorni nostri evidenziando la sua vera origine tutta greca e profana.
La festa si svolge la sera e per tutta la notte del 24 giugnoAll’imbrunire inizia la fase preparatoria della festa le cui protagoniste sono esclusivamente donne. Gli angoli più caratteristici del paese vengono “preparati” per accogliere gli altarini su quali verrà posto “U Muzzuni”. Attorno ad essi, sulle pareti, sui balconi e sulla strada, vengono stese le pizzare”: tipici tappeti tessuti con l’antico telaio a pedale utilizzando ritagli di stoffa. Sulle “pizzare”, disposte intorno ed ai piedi dell’altarino, vengono poggiati i piatti con i “LAUREDDI” (steli di grano fatto germogliare al buio), spighe ed umili oggetti del mondo contadino.

Completato l’allestimento del Muzzuni, una giovinetta del quartiere, simboleggiante le antiche sacerdotesse pagane, lo porta fuori e lo colloca sull’altare già pronto. Si entra così, nel vero e proprio clima della Festa: ogni quartiere che ospita il Muzzuni viene animato con musiche e canti popolari.

“Questa del Muzzuni non è altro che il fossile vivente di un’antica civiltà scomparsa definitivamente da tutto il bacino del Mediterraneo ed è una fortuna che Alcara conservi, nello scrigno della sua storia, questi riti pagani, perché sono il documento vivente della nostra radice umana e culturale”. - A. Buttitta

62

2

3

4

7

8

9

6

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

63

64

65

66

67

68

69

71

72

73

74

75

76

77

78

79

80

81

82

83

84

85

86

87

88

89

90

91

92

93

94

95

 

Read More

Il rito della luce – 38° Parallelo

Posted by on 22 giu 2015 in Events, News | 0 comments

Quest’anno anch’io (anche se solo per poche ore del tardo pomeriggio) mi son lasciato trasportare dalla magia e dal fascino che racchiude le celebrazioni del Solstizio d’estate.

Quella a cui ho assistito è fra le più suggestive e caratteristiche tradizioni che legano il 21 Giugno, riconosciuta a livello internazionale, organizzata per volontà della Fondazione Antonio Presti – Fiumara d’Arte.

L’imponente “Piramide” deve il nome “38° Parallelo” alla sua collocazione su un’altura nel territorio di Motta D’Affermo (Messina) che guarda il mare e le Isole Eolie e, sullo sfondo, gli scavi archeologici dell’antica città di “Halaesa.

Quello stesso parallelo sul quale, nell’altro emisfero, passa il confine tra “Corea del Nord” e “Corea del Sud”, quasi a voler riequilibrare la tensione conflittuale di un luogo con la sacralità dell’Arte.

La luce e la parola: luce di utopia e parola di poesia, di cui simbolo è la Piramide; e metafora il rito della Luce, che ogni anno per il solstizio d’estate attorno ad essa si rinnova, affidando privilegiatamente alla parola poetica la rappresentazione del senso e della cifra della sua ritualità.

Durante la Festa della Luce, accanto a importanti poeti, si affiancano nella lettura giovani poeti siciliani: esordienti, ma di spiccata qualità poetica, che nei loro testi riaffermano i valori critici e libertari di un linguaggio deliberatamente ignorato e rimosso dalla standardizzata dimensione culturale della contemporaneità.

1

2

4

6

EE9A0077

3

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71

72

73

74

75

76

77

78

79

80

81

82

83

 

Read More

Dario & Alessia

Posted by on 18 mag 2015 in I LOVE SICILY, News, WEDDING | 0 comments

Non c’è niente di più vero e autentico in un matrimonio in cui l’aspetto che prevale è essere se stessi, vivere da protagonisti, assaporare ogni sensazione e godere dell’emozione che solo in quel giorno si respira…

Un piccolo borgo, quello di San Marco D’Alunzio, annoverato anche da “I Borghi più belli d’Italia“, che ospita Dario e Alessia; un percorso che si intreccia fra le più antiche e importanti culture siciliane e il “sogno” di un avvenimento così unico ma del tutto moderno… fondendosi come in un abbraccio, a distanza di secoli, mantenendo perfettamente intatte le 2 realtà , vivendo all’unisono come fossero parte integrante l’una dell’altra, senza interferire.

La Sicilia e tutto ciò che è parte di essa, è linfa vitale per i miei lavori: è ciò che mi scorre nelle vene, che mi spinge ad “andare oltre”!

Ogni aspetto, ogni viso mi riporta in un tempo indefinito, in un tempo in cui certi sguardi e certi luoghi raccontano ciò che siamo e dove viviamo.

 

0 - 1

0 - 2

0 - 3

0 - 4

0 - 5

0 - 6

0 - 7

0 - 8

0 - 9

0 - 10

0 - 11

0 - 12

0 - 13

0 - 14

0 - 15

0 - 16

0 - 17

0 - 18

0 - 19

0 - 20

0 - 21

0 - 22

0 - 23

0 - 24

0 - 25

0 - 26

0 - 27

0 - 28

0 - 29

0 - 30

0 - 31

0 - 32

0 - 33

0 - 34

0 - 35

0 - 36

0 - 37

0 - 38

0 - 39

0 - 40

0 - 41

0 - 42

0 - 43

0 - 44

0 - 45

0 - 46

0 - 47

0 - 48

0 - 49

0 - 50

0 - 51

0 - 52

0 - 53

0 - 54

0 - 55

0 - 56

0 - 57

0 - 58

0 - 59

0 - 60

0 - 61

0 - 62

0 - 63

0 - 64

0 - 65

0 - 66

0 - 67

0 - 68

0 - 69

0 - 70

0 - 71

0 - 72

0 - 73

0 - 74

0 - 75

0 - 76

0 - 77

0 - 78

0 - 79

0 - 80

0 - 81

0 - 82

0 - 83

0 - 84

0 - 85

0 - 86

0 - 87

0 - 88

0 - 89

0 - 90

 

Read More

Giovanni & Monica

Posted by on 18 apr 2015 in I LOVE SICILY, News, WEDDING | 2 comments

Frizzante matrimonio  in uno dei posti più caratteristici, suggestivi e affascinanti della Sicilia: patria del buon vino e dei tramonti mozzafiato…

Un susseguirsi di emozioni e brividi che sposano atmosfere dai toni caldi e panorami che rimangono per sempre impressi negli occhi di chi li osserva.

Un viaggio surreale tra Petrosino e Marsala, senza tralasciare le incantevoli saline di Mozia che, con i suoi mulini a vento, lascia nello spirito un’immagine bucolica da sembrare eterea!

Quello che vedrete è il mio, seppur breve, intenso racconto del SI di Giovanni & Monica:

 

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

71

69

70

72

73

76

74

75

77

78

79

 

Read More

Top Photographers for 2014

Posted by on 11 apr 2015 in Awards, My diary, News, WEDDING | 0 comments

Concluso il 2014 si inizia a raccogliere i frutti e, si sa, chi meglio semina meglio raccoglie…

I giochi sono chiusi ed è tempo di bilanci e classifiche… l’eccitazione si contiene appena! E proprio quando meno te l’aspetti, PUFF! Come l’attesa ai giochi d’artificio: stai lì, aspetti, scruti il cielo da ogni angolazione, non sai da che parte arrivano e improvvisamente….. Leggi il tuo nome fra i primi 10 fotografi di matrimonio AL MONDO secondo la più grande e selettiva associazione internazionale AG|WPJA!!!

http://www.agwpja.com/artistic-wedding-photojournalism/5765-sicily-weddings/photographer-ettore-colletto.html

Sfido chiunque a riuscire a trattenere l’emozione leggendo il proprio nome alla 7a posizione, in una classifica che elegge ogni anno l’eccellenza a livello mondiale di fotografi matrimonialisti, eppure, da un paese come Sant’Agata M.llo in provincia di Messina, sono riuscito, con un pizzico di orgoglio ma tanta tanta convinzione e voglia di farcela, a scalare le classifiche più importanti annoverandomi fra i migliori e ottimizzando anche il piazzamento dello scorso anno che mi vedeva alla 23a posizione, anno in cui entrai a far parte dell’associazione.

Il mio successo, cari amici, è anche il vostro ed è per questo che ve lo dedico e con sempre più convinzione e forza sono pronto a dare il massimo per tutti quelli che crederanno in me perché, per poter crescere nella maniera giusta, non bisogna mai sentirsi arrivati ma far si che questo sia solo il punto di inizio…!!!

 

Schermata 2015-04-11 alle 17.33.43

 

Read More

Anna & Michal

Posted by on 27 feb 2015 in I LOVE SICILY, News, WEDDING | 0 comments

Davvero non saprei da dove cominciare….

Ricordo solo che abbiamo iniziato a correre correre e correre… difficile stargli dietro; una coppia davvero sopra le righe: un matrimonio che oserei dire PaZzO ma nel senso buono del termine. Non abbiamo mai riso così tanto, e poi dicono che la gente dell’est europeo sia fredda…

Anna e Michal sono innamorati della Sicilia e il loro desiderio più grande è sempre stato quello di coronare il loro sogno d’amore nell’isola di Ortigia a Siracusa così, partono dalla Polonia insieme agli amici più cari scoprendo i paesaggi, i colori e i sapori di una Terra fino ad allora conosciuta solo tramite libri e immagini rubate ma facendo vivere gli attimi e le emozioni anche a chi è rimasto a casa tramite un collegamento in streaming fortemente voluto dalla coppia. Tutto questo è stato possibile grazie alla collaborazione dei miei fedelissimi collaboratori, professionisti nel lavoro e fidati amici di sempre.

Il cielo che li accompagna racchiude tutto il calore e l’armonia di una Sicilia autentica immortalando ogni momento che li aiuterà a rivivere in eterno il loro giorno più bello.

Un’amicizia che nasce da un e-mail e che sono sicuro andrà ben oltre perché, quando è la passione e l’amore per ciò che si fa a dettare le regole, tutto nasce spontaneo e i sentimenti più veri resistono e vivono oltre il tempo e le distanze che ci dividono.

 

I really don’t know where to start ….

I just remember that we started to run run and run… hard to keep up with them; a couple really over the top: a wedding that I called CrAzY, but in its good meaning. We never laughed so much…

Anna and Michal are in love with Sicily and their greatest wish has always been to crown their dream of love in the island of Ortigia in Syracuse so, leave from Poland, together with close friends discovering the landscapes, the colors and flavors of a land known only through books and pictures stolen but living the moments and emotions  with who stayed at home by a streaming video. All this has been possible thanks to the collaboration of my loyal employees, professionals in work and trusted friends.

The sky accompanying encloses all the heat and the harmony of a real Sicily capturing every moment that will help them to relive forever their most beautiful day.

This friendship was born from an e-mail and I’m sure will go on because, when the passion and love for what you do, set the rules, everything is spontaneous and real feelings endure and live beyond time and the distances that divide us.   

 

001

002

003

004

005

006

007

008

009

010

011

012

013

014

015

016

017

018

019

020

021

022

023

024

025

026

027

028

029

030

031

032

033

034

035

036

037

038

039

040

041

042

043

044

045

046

047

048

049

050

051

052

053

054

055

056

057

058

059

060

061

062

063

064

065

066

067

068

069

070

071

072

073

074

075

076

077

078

079

080

081

082

083

084

085

086

087

088

089

090

091

092

093

094

095

096

097

098

099

100

101

102

103

104

105

106

107

108

109

110

111

112

113

114

115

116

117

118

119

120

121

122

123

124

125

126

127

128

129

130

131

132

133

134

135

136

137

138

139

140

141

142

143

144

145

146

147

148

149

150

151

152

153

154

155

156

157

158

 

Read More

ISPWP Member

Posted by on 24 feb 2015 in Awards, News | 0 comments

The Best Wedding Photographers in the World

 

E’ con enorme soddisfazione e un pizzico di vanità che posso finalmente dire: CI SONO ANCH’IO!

Quasi incredulo e ancora frastornato, ho ricevuto la più grande gratificazione degli ultimi tempi: l’associazione ISPWP (International Society of Professional Wedding Photographers) ha accettato la mia richiesta di iscrizione, ed è in assoluto la più selettiva al mondo, al pari di  WPJA e AG|WPJA.

Ci sono così tante associazioni, ma la maggior parte di queste hanno poco o nessun criterio per l’adesione, includono spesso fotografi con poca esperienza, sconosciuti che hanno semplicemente pagato la tariffa applicabile.

Quando assumete un membro ISPWP, si può essere sicuri di aver superato un processo di selezione rigorosa e sono riconosciuti dai loro colleghi per essere al top nel loro campo.

La ISPWP è una rarità tra le associazioni di fotografia di matrimonio. I fotografi non possono semplicemente acquistare un abbonamento ISPWP, devono guadagnarselo.

Le esigenze sono l’esperienza, il talento e la professionalità. Per essere accettato, il fotografo deve aver scattato un cospicuo numero di matrimoni, presentare il proprio portfolio per la revisione, accettare di operare ai sensi del Codice di Autodisciplina ISPWP dopodiché devono essere votati dai membri già presenti e da una giuria composta da fotografi di rilievo a livello internazionale.

Come recita proprio il sito, quando si assume un fotografo ISPWP, si sta assumendo un vero talento della fotografia matrimonialista, il riconoscimento tra pari, e una passione per la creazione di immagini che renderanno unico il vostro matrimonio.

 

 

10997882_918209071545322_1217337845_o

Read More